Come ricaricare la PostePay

La PostePay è una carta prepagata molto diffusa che consente di effettuare in modo veloce e pratico acquisti online e in negozio. La sua praticità nasce soprattutto dalla semplicità con cui si può richiedere e utilizzare.

È inoltre affidabile e consente di effettuare anche acquisti in tutta Europa grazie al circuito Visa. Postepay Standard è pensata in particolare per ragazzi giovani che vogliono spendere i propri soldi senza pensieri, ma senza rinunciare alla sicurezza, o per chiunque cerchi una carta comoda e con dei costi davvero irrisori.

La carta si collega a un’App molto utile e facile da usare con cui è possibile personalizzare  l’utilizzo della Postepay e scegliere i limiti di pagamento e prelievo.

La Postepay si richiede comodamente in ufficio postale o sul sito. Viene spedita in filiale o comodamente a casa e si attiva in poche mosse, per essere subito pronta all’uso. Il rilascio della carta costa solo 10€ ed è possibile caricare massimo 50.000,00 euro annui, ricaricati sul totale delle carte nominative intestate allo stesso Titolare.

Con la Postepay è possibile eseguire anche operazioni come ricariche telefoniche, pagamenti con POS o in uffici postali senza commissioni. Per quanto riguarda invece i prelievi da ATM Postamat, uffici postali abilitati, ATM bancario abilitato in Europa, c’è sempre una commissione minima di 1€.

Carta Postepay Standard è inoltre convenzionata con Google Play ed è possibile utilizzarla sull’app. Si può pagare con Google Play su POS fino a 50,00 euro semplicemente avvicinando lo smartphone Android al POS Contact less. Per acquisti superiori ai 50,00€ basta sbloccare lo smartphone Android e avvicinarlo al POS.

Traferire denaro sulla Postepay

Per rendere la Postepay ancora più versatile, Poste Italiane ha deciso di offrire agli utenti molteplici modalità di ricarica. Vediamole una ad una:

Ufficio postale

Essendo una carta prepagata emessa da Poste Italiane, è possibile recarsi direttamente in Ufficio Postale con i contanti e richiedere il versamento. In poche mosse i soldi saranno direttamente presenti sulla carta e spendibili per i propri acquisti. È sufficiente portare con sé il proprio documento d’identità e comunicare all’impiegato postale il nominativo dell’intestatario della carta il nominativo dell’intestatario della carta e il codice della stessa.

Per velocizzare ancora di più la procedura è anche possibile richiedere e compilare il modulo previsto per la ricarica della carta. La procedura è semplicissima, come avverrebbe in una qualsiasi banca al momento del versamento.

Sportello ATM (Bancomat)

Presso gli sportelli Bancomat è possibile inserire la propria carta prepagata e selezionare ricarica Postepay. Lo sportello chiederà automaticamente il numero della carta da ricaricare. A questo punto, la Postepay viene ricaricata attraverso Pago Bancomat e altre tipologie di carta. La commissione per questa transazione è abbastanza alta, in quanto consiste in 3€.

Presso il domicilio o sede di lavoro

È possibile richiedere la visita di un Portalettere di Poste italiane attraverso il Contact Center. C’è da specificare che questa opzione è possibile solo per gli utenti abilitati e il costo è quello della semplice ricarica, senza costi ulteriori.

Online sul sito di Poste italiane

La ricarica della Postepay può essere effettuata anche sul sito di Poste Italiane, ovunque l’utente si trovi. Basta avere una connessione internet. L’addebito avviene tramite la funzione Banco Posta Click o Banco Posta online. Il vantaggio di questa modalità consiste non solo nel fatto che non sia necessario recarsi in alcun luogo, ma può essere effettuata anche la domenica, o in qualsiasi orario della giornata.

Tramite App Postepay o App Banco Posta

Semplice come la ricarica online, l’app Postepay o l’app Banco Posta consentono di ricaricare la propria carta prepagata con un solo tocco dello smartphone. Basta scaricare l’applicazione disponibile sia per Android che iOS, Basta premere sulla voce Ricevi e seguire la procedura indicata, per poi giungere a cliccare su Ricarica da Conto Banco Posta. In questo modo, la ricarica avviene collegandosi al conto corrente postale.

App Poste Mobile

Semplice è poi la ricarica tramite un’altra applicazione per smartphone e iOs, quella di Poste Mobile. Se l’utente possiede una SIM Poste Mobile basterà scaricare l’app e trasferire con facilità somme di denaro direttamente dal proprio conto. Il vantaggio di questa modalità è certamente quella di poter effettuare l’operazione anche quando la connessione internet è assente o non ottimale.

Home banking

Restando sui metodi digitali, è possibile ricaricare la Postepay anche se si è in possesso di un conto online presso una banca del gruppo BPM. Accedendo alla propria area personale sul sito, infatti, l’utente troverà la sezione dedicata alla ricarica della Postepay. L’operazione è davvero semplice, immediata e guidata dal sito stesso.

Tabaccheria

Ricaricare in tabaccheria è certamente vantaggioso, non solo perché si tratta di un’operazione molto facile e richiede pochi minuti, ma anche perché può essere effettuata da un’altra persona oltre all’intestatario. Non tutte le tabaccherie sono autorizzate, ma ormai la maggior parte hanno la convenzione al servizio della banca ITB. Ciò si comprende in quanto le tabaccherie di solito espongono l’adesivo di Poste Italiane fuori dal locale.

Sarà sufficiente presentare solamente il codice fiscale della persona titolare della carta Postepay e il numero della stessa. L’operazione avviene davvero in pochi minuti e viene emessa regolare ricevuta da usare in caso di contrattempi. L’operazione richiede una commissione di 2€.

Ricevitorie Sisal

Semplice è poi la ricarica tramite ricevitorie Sisal, le quali funzionano un po’ come le tabaccherie. È quindi sufficiente presentare il numero della carta prepagata e il codice fiscale dell’intestatario. I contanti consegnati al commesso andranno così a finire sulla Postepay. Il costo per questo servizio di ricarica è di 2 euro, esattamente come in tabaccheria.

PayPal

Tornando sui metodi di ricarica digitali, uno molto diffuso, comodo e sicuro è certamente PayPal. È sufficiente aggiungere la carta Postepay al conto di Paypal insieme a eventuali altre carte. Una volta portata e termine questa operazione, è possibile trasferire il denaro dal proprio conto alla Postepay o da altre carte a quella di Poste Italiane.

Come ricaricare la PostePay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su